Author Archives: Elio Siniscalchi

  • -

“Festa di Primavera” alla LNI Crotone

Category : 2018

E non lo capivi più se suonava con le mani, con i piedi, con gli occhi. O chi dei due lo faceva e in che modo. Ognuno dei due musicisti, che compongono il pulsante duo musicale, ospiti graditissimi dei soci della Lega Navale di Crotone, sabato 24 marzo ultimo scorso, si è rivelato un solo corpo con lo strumento che suonava.
Sotto l’incalzare di un ritmo via via crescente, nel repertorio più classico interpretato insieme dai fisarmonicisti e chitarristi, anche lo spazio e il tempo, le coordinate nelle quali si è svolto l’evento, parevano assumere un dinamismo inatteso e sorprendente, che mutava la scena.
Tutto in movimento. Anche la platea degli ascoltatori pian piano ha finito inevitabilmente con l’assecondare il ritmo e la forza travolgente dei due musicisti, quasi vivida eco del vicinissimo mare.
Così forte la capacità empatica con cui hanno travolto il pubblico che pure i pensieri, lo stato d’animo di chi stava loro davanti hanno subito un’accelerazione salutare, una spinta verso la ricerca di un tempo diverso da scandire.
Aria di cosa nuova, finalmente.
Questo hanno “detto” con la loro musica i due giovani musicisti, Francesco Manfreda alla chitarra e Federico Vaccaro alla fisarmonica.
Più volte i presenti hanno applaudito in modo caloroso e entusiasta, un invito per i due giovani musicisti a tornare, a riempire di ritmi ed energie sempre nuovi qualche prossima serata estiva, magari sotto la luna e le stelle crotonesi.
Capita sempre più spesso ai soci della Lega Navale di Crotone di poter godere delle abilità di alcuni figli della terra di Calabria, come il duo di cui sopra, che rivelano grandi abilità e maestria, padroni di alcuni dei tanti linguaggi che l’arte possiede per arrivare sempre di più a chi decide di riservarle un attimo di attenzione.
Nella convinzione che proprio il mare è la scena opportuna su cui idee e culture diverse si possono incontrare e scoprirsi, La Lega Navale di Crotone, grazie al suo Presidente, Dottor Giovanni Pugliese, e al suo Consiglio direttivo, cerca, nell’ambito delle iniziative culturali che accoglie o che promuove, anche linguaggi nuovi perché possa emergere quanto di più proficuo si profila all’orizzonte per il nostro territorio.
Lucia Bellassai


  • -

Trofeo Optisud, Eliana Siniscalchi (LNI Crotone) è seconda nei cadetti femminile

Category : 2018

Crotone. Bella prova della flotta della Lega navale di Crotone alla prima tappa del Trofeo Optisud, disputatasi a Taranto il 3 e 4 Marzo. Al prestigioso e spettacolare evento sportivo, i giovani velisti della Lega navale hanno ottenuto una buona prova. Il risultato più degno di nota lo ha conquistato Eliana Siniscalchi, nei cadetti, classificatasi al 19 posto in classifica generale, e seconda tra i cadetti femminile. Buone le prestazioni anche degli altri cadetti della Lega navale di Crotone, al loro esordio in una regata così importante. Mattias Zappia si è classificato al 54 posto, Nicola Longobucco, 59^, Angela Longobucco 74^. Tra gli juniores, sempre per i colori della Lega navale di Crotone, Alessandra Calabretta si è posizionata all’81^ posto. Anche quest’ultimo ottimo risultato, considerato che per la Calabretta è il primo anno tra gli juniores.
Eliana Siniscalchi e Alessandra Calabretta sono allenate dall’istitutore della LNI Crotone Marco Lentini, mentre Mattias Zappia, Nicola e Angela Longobucco da Giacinto Tesoriere, direttore sportivo della LNI.
Un risultato in positivo quello del gruppo dei velisti della LNI di Crotone, in continua crescita. Un bel banco di prova per i timonieri crotonesi che si sono misurati in una delle regate dedicate ai giovanissimi velisti della classe Optimist, più importante è maggiormente partecipate. Gli iscritti alla prima tappa, in tutto, sono stati circa 200. Le condizioni meteo sono state ottimali. Le giornate sono state poco ventose e il primo giorno c’era anche onda
Come è noto il “Trofeo Optisud” prevede tre tappe (Taranto, Castellammare di Stabiae Formia), l’impegno dei velisti e del team sportivo della Lega navale di Crotone continua anche nei prossimi mesi.


  • -

“Ni vidimu subba a passereddra”

Category : 2018

Pagos racconta

“Ni vidimu subba a passerèddra”


Pagos e il quotidiano
In una fredda e ventosa mattina di febbraio assisto ad una prova di recitazione di Pietro Agostinelli, noto ai più come Pagos, artista eclettico della città di Crotone. Fuori tutto si agita, in sala tutto si ricompone. Fuori è tempesta e dentro tutto va verso un insospettato ricomponimento. Pagos mi stupisce con la sua semplice abilità.
La soavità di certi suoi scritti, che ormai conosco, svanisce rispetto alla tenacia e alla puntigliosità con cui guida le voci recitanti; un tecnico del suono, un esperto di mimica facciale. Alterna alle indicazioni nette e più volte ripetute il tratto delizioso con cui porge i suoi scritti ad un pubblico che per ora non c’è ma che già vede seduto, folto e attento così come succede ogni volta che c’è uno spettacolo in cui recita.
La sua storia personale è strana, ricca di situazioni impreviste. E’stato un operaio delle  fabbriche crotonesi ormai smantellate,   lì ha scoperto la vita nel suo tratto più prosaico fin quando il suo talento artistico – è un eclettico che se la cava con la penna, con la drammatizzazione, con la declamazione ma anche con le tele e il pennello – lo ha innalzato, fatto volare via dai fumi e dalle sirene delle ciminiere e lo ha collocato in altri contesti.  Appesi al chiodo i panni da operaio, i suoi sguardi sulle cose, sulle persone, sulle relazioni tra gli uomini sono diventati brevissimi racconti, finestre che si aprono con la rapidità di un clic fotografico su un mondo normalissimo e popolarissimo e la quotidianità abbandona i panni popolari,  sguscia da essi e splende come perla di straordinaria eleganza, diventa spazio artistico.
Come non ricordare  i classici della musica napoletana leggendo i testi d Pagos?
Lì, come nei  testi del nostro artista, la quotidianità si fa spazio e riempie di sé con i suoi profumi, con le sue luci , con i suoi desideri nati anche dalla povertà di mezzi, con le sue sonorità trillanti tutto quello che può così che alla fine si arriva a concludere, sia per Pagos che per i classici della musica napoletana,  che la felicità è avere qualcuno con cui condividere un comune  sentire. 
Verso Pagos noi crotonesi siamo due volte debitori: una prima volta perché condivide con noi e ci fa condividere, tra tutti quelli che parliamo il suo dialetto,  suoni che rafforzano,  come poco altro riesce a fare, la nostra identità di cittadini crotonesi. Una seconda volta siamo debitori perché ci restituisce le voci di quelli che non ci sono più,  che usavano, come facciamo noi,  quegli stessi suoni.Riprendono così vita con le sue parole, con i suoi brevi racconti, quasi appunti fermati sulla carta un minuto prima che i pensieri in essi contenuti possano perdere la loro essenza,  i  visi di chi abbiamo amato e che sono andati via. 
Senza timore di essere smentiti, si può dire che Pagos è un artista nato, dal tratto  garbato, in grado di dominare le durezze del dialetto crotonese. Ne fa  una lingua gradevole da ascoltare,  carica di messaggi che arrivano da ogni ambito che sa di umano, che riescono a bucare i cuori di chi ascolta come frecce di pura empatia.
Crotone,  Febbraio 2018                                              Lucia Bellassai


  • -

PROGETTO SAURO 100

Category : 2018

Il progetto Sauro 100 fa tappa a Crotone

Crotone. Anche la città di Crotone ha voluto onorare la figura di Nazario Sauro, un grande italiano, il cui sacrificio è parte delle fondamenta della nostra storia.
Ieri sera, nella sala consiliare del Comune di Crotone, grazie ad un’iniziativa voluta dall’amministrazione comunale, dalla sezione di Crotone della Lega navale, dal Rotary, dall’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, è stato accolto dal calore dei tanti intervenuti l’ammiraglio Romano Sauro, nipote del grande patriota (Nazario Sauro era suo nonno paterno), che ha illustrato il progetto “SAURO 100 – Un viaggio in barca a vela per 100 porti per 100 anni di storia”. A dare il benvenuto a Romano Sauro c’erano il sindaco della città, Ugo Pugliese, il presidente della Lega navale di Crotone, Giovanni Pugliese, il presidente del Rotary, Mario Carratelli, il prefetto, Cosima Di Stani, il comandante della Capitaneria di porto, Giuseppe Andronaco, il presidente dei Lions, Giancarlo Sitra e i rappresentati delle forze dell’ordine.
L’iniziativa nasce da un’idea dello stesso ammiraglio Romano Sauro e si inquadra nell’ambito delle commemorazioni organizzate a livello nazionale per ricordare sia il centenario della Prima guerra mondiale, sia la ricorrenza dei 100 anni dalla morte dell’eroe marinaio, che fu catturato e ucciso dagli austro-ungarici dopo l’incagliamento del sommergibile “Giacinto Pullino” sul quale si trovava in missione.
La barca a vela utilizzata per Sauro 100 è uno sloop di 9 metri prodotto dai celebri cantieri Jeanneau e battezzato con il nome evocativo di “Galiola III” (Galiola era, appunto, il nome dello scoglio sul quale s’incagliò il sommergibile di Nazario Sauro durante la sua ultima missione).
È toccato, ieri sera, a Romano Sauro tracciare un commovente ritratto di Nazario, fin da bambino, una vita avvolta nei sogni, nelle passioni e negli ideali nei quali l’eroe Sauro ha creduto e che ha perseguito con coerenza e determinazione, sacrificando la propria giovane vita.
Il progetto “SAURO 100 – Un viaggio in barca a vela per 100 porti per 100 anni di storia” è anche un’iniziativa rivolta alle scuole con lo scopo di trasmettere ai giovani l’amore per il mare, nonché di fare opera di sensibilizzazione e diffusione della cultura del mare per favorire il rispetto dell’ambiente marino e delle sue preziose risorse. Anche a Crotone l’ammiraglio ha incontrato gli studenti dell’istituto nautico, del liceo Pitagora, mentre sarà presente allo scientifico Filolao nella giornata dì lunedì 5 febbraio.
Poi ripartirà per la prossima tappa, Cirò Marina, accompagnato dall’equipaggio formato da Marco Lentini, istruttore della Lega navale di Crotone e da un gruppo di studenti dell’istituto nautico.

Aula Consiliare del Comune di Crotone.
A sinistra il Sindaco Ugo Pugliese, al centro l’Amm. Romano Sauro , a destra il Presidente LNI Crotone Giovanni Pugliese.

Nell’aula magna dell’Ist.Tec. “Lucifero” con gli studenti del nautico “M.Ciliberto”.


  • -

Nazario Sauro e la grande guerra sul mare.

Category : Uncategorized

Conferenza
“Nazario Sauro e la grande guerra sul mare”.


Conferenza
“Nazario Sauro e la grande guerra sul mare”.
Venerdì 2 Febbraio alle ore 18.00 nella Sala Consiliare del Comune di Crotone.
Sarà presente l’Ammiraglio Romano Sauro nipote dell’Eroe Nazario Sauro e autore
del libro “Nazario Sauro Storia di un Marinaio”.


  • -

Thalassa- Mostra di Maurizio Giglio alla Lega Navale 25 novembre 2017 ore 10.30

Category : 2017

Thalassa!
(Mare!)
Thalassa!
(Mare!)

Un personaggio arrivato dalle pagine dell’opera “Le mille e una notte”; così può definirsi Maurizio Giglio.
Nelle pagine della famosa opera sono descritti regni organizzati negli abissi marini, dove si vive, si ama, si mangia, si dorme, si lavora.
Maurizio Giglio pare sbucato da lì.
Un po’ artista e un po’ artigiano, nella realtà Giglio vive in quel lembo di terra che è Le Castella, posto magico della provincia di Crotone, che si spinge, con un affondo audace e sapiente, nel mare Jonio. Spiccano il suo castello-fortezza, i suoi colorati turisti, le sue notti blu, cariche di stelle estive.
Anche Maurizio Giglio è pieno di charme, come il posto in cui vive: c’è una relazione vivida tra il flusso vitale che abita quel borgo e quello che abita il suo animo e la sua vena creativa.
Le mani dell’artista raccolgono dal mare quello che il mare decide di offrire o di restituire, allorquando in precedenza aveva preso.
Nulla viene gettato: assi di legno di imbarcazioni affondate, tronchi di alberi già lavorati dal sale e dalle onde, fasci di alghe fluide e parlanti, oggetti che dicono di un altro mondo, di un’altra vita che sta oltre la linea d’orizzonte con la quale ci misuriamo ogni volta che fissiamo il mare e ogni volta che ci chiediamo cosa c’è oltre, cosa si muove lì dove il nostro sguardo non riesce, arcuandosi, ad arrivare.
Tutto quello che arriva dal mare e dal mistero viene preso in carico dall’artista. E’ infatti una vera e propria “presa in carico” perché il Nostro, nel rispetto della natura di ogni elemento che il mare gli consegna, si occupa di questo; gli ridà vita e, curandolo e risistemandolo, lo riporta al vigore iniziale.
Le cose, che arrivano dalle viscere del mare, per lui non sono più cose ma sono gli spazi nei quali la sua sensibilità si sviluppa dando risultati magnifici che dicono, a chi lo incontra e visita la sua bottega, di una nuova relazione tra l’uomo e le cose, che può intrecciarsi nettamente ad un ventaglio di valori pieni di promesse di vita.
Lucia Bellassai


  • -

Campionato Provinciale di Pesca Sportiva Traina Costiera

Category : 2017

Traina costiera, Bradypus si laurea campione provinciale e conquista la qualificazione al Campionato nazionale

Crotone. Repetita iuvant. Ancora una volta l’equipaggio di Bradypus, della
Lega navale di Crotone, capitanato dal presidente della LNI, Giovanni Pugliese,
conquista il titolo di campione provinciale di traina costiera e stacca il pass
valevole per la qualificazione al Campionato italiano 2018.
Un onore e un onere impegnativo per il presidente della LNI a cui toccherà
difendere i colori della sezione provinciale e della città. Più volte Bradypus
si è qualificato al Campionato italiano, anzi è l’imbarcazione che a livello
provinciale conta il maggior numero di qualificazioni al campionato nazionale,
e, quindi l’equipaggio composto da Giovanni Pugliese, Ottavio Cavallaro e
Pasquale Sestito potrà contare su un bagaglio ricco di esperienza.
Il campionato provinciale di traina costiera, si è svolto domenica mattina,
nelle acque antistanti la città di Crotone. La manifestazione sportiva si è
tenuta sotto l’egida del Comune di Crotone e con la sponsorizzazione di
Fisherman store. In tutto hanno partecipato nove imbarcazioni appartenenti a
cinque società: Lega navale Crotone, Yachting Kroton club, Asd Ucciali’
fishing, Kroton Team, Fisherman store.
La gara è iniziata di buon mattino, alle 6,30. Alle 11,30 le imbarcazioni sono
rientrate e, intorno alle 12, si è proceduto alla pesatura del pescato,
soprattutto alletterati e boniti , e, poi,alle premiazioni.
” È stata una gara molto tecnica – ha spiegato il presidente della LNI,
Giovanni Pugliese – perché non ci sono state molte prede a causa del mare
troppo calmo per questo tipo di pesca che prevede la traina entro le tre miglia
dalla costa. È stata, dunque, una vittoria sul filo di lana. Ancora una volta
la macchina organizzativa della LNI ha consentito la riuscita di una
manifestazione che ha attratto tante società partecipanti. Un grazie
particolare ad Elio SINISCALCHI, consigliere del direttivo con delega allo
sport e al delegato Fipsas Sezione Provinciale di Crotone, Alberto Foglietti”.
A premiare l’equipaggio di Bradypus il sindaco della città, Ugo Pugliese.
Al secondo posto si è classificata sempre una imbarcazione della LNI di
Crotone: Rifatami di Fausto Tricoli con Francesco Federico e Giulio Marani.
Terzo classificato Saver 640 di Nicola Lio’ con Stigliano e Stricagnolo della
Fisherman Store.


  • -

Trofeo di pesca sportiva “Salvatore Geremicca” quinta edizione

Category : 2017

Trofeo Geremicca, boom di partecipanti

Crotone.In tanti hanno voluto ricordare Salvatore Geremicca, socio della Lega navale di Crotone con la passione per la pesca, scomparso anni fa, partecipando domenica scorsa alla quinta edizione del Trofeo di pesca a lui dedicato.
Ventiquattro imbarcazioni hanno preso parte alla manifestazione sportiva, inizialmente un memorial, oggi diventata una gara attesa e partecipata, organizzata dalla Lega navale di Crotone.
Le condizioni meteo marine, domenica, sono state ottimali. E il bottino di pesca non si è’ fatto attendere con catture di alletterati, cernie e ricciole.
A vincere è stato il pescato dell’equipaggio composto da Gaetano De Sole e Francesco Federico.
Al secondo posto si è classificato Giovanni De Luca; terzo l’equipaggio composto da Natalino e Salvatore Sitra.
La giornata per gli equipaggi è iniziata di buon mattino, alle 6, con il raduno dei partecipanti. Alle 7 è iniziata la gara. Alle 12 le imbarcazioni sono rientrate a terra con il pescato. Alle 12,30 si è tenuta la cerimonia di premiazione alla presenza della famiglia Geremicca, del presidente della LNI Crotone, Giovanni Pugliese e del presidente dello yachting Kroton club, Mimmo Mazza.
La mattinata è stata una festa della pesca per grandi e piccini. Sono sempre più numerosi i bimbi, tra i 7 e i 10 anni, che partecipano all’iniziativa.
L’evento è stato realizzato con il contributo e grazie a Renata Geremicca , figlia del compianto Salvatore, e alla sua famiglia che hanno supportato la Lega navale di Crotone nella realizzazione dell’evento.

Gaetano De Sole e Francesco Federico
Equipaggio vincitore della quinta edizione del trofeo S.Geremicca.


  • -

Lega navale, Giuseppe Congi vince la terza tappa del campionato nazionale giovanile slalom under 17

Category : 2017

Crotone – Il grande windsurf protagonista per tre giorni alla Lega navale di Crotone con la terza e ultima tappa del Campionato Nazionale Giovanile Slalom 2017. Ad ospitare, dal 4 al 6 settembre, la decisiva tappa della manifestazione del circuito AICW Associazione Italiana Classi Windsurf (FIV) è stata la Lega Navale di Crotone. Per tre giorni atleti provenienti da Calabria, Sicilia, Sardegna, Torbole e Friuli Venezia Giulia hanno sfrecciato sul pelo dell’acqua di Crotone con tavole e vele scintillanti, caratterizzate dalla velocità tipica dello spettacolo Slalom. A tenere alti i colori della città di Crotone e della sezione locale della Lega navale c’era Giuseppe Congi, già vincitore della prima tappa a Cagliari nella categoria under 17, che, giocando in casa, non ha deluso. Suo, infatti, il primo gradino del podio di questa terza tappa,nella classe under 17, in questa ultima prova determinante per laureare il campione nazionale Slalom.
“Ė stata una terza tappa condizionata dall’assenza del vento – ha spiegato Elio Siniscalchi, consigliere del direttivo della Lega navale – per i primi due giorni. Eolo ha ripreso a spirare nella terza giornata e, grazie, alla bontà e alla pazienza dei giudici, si sono potute espletare tutte le prove utili”. A validare le prove il team dei giudici composto da Domenico Pugliatti, Stefano Alberigo, Paolo Saraceni, Antonio Lentini, Giacinto Tesoriere e Fabrizio Riganello.
Sono state premiate le categorie under 15, under 17, under 20 e la categoria femminile. Per quanto riguarda le categorie Under 17 ha vinto la terza tappa Giuseppe Congi, della Lega navale Crotone, primo classificato, seguito da Alessandro Iotti, circolo surf Torbole, secondo classificato, e da Cosimo Neri, c.n. C. Ponente, terzo classificato.
Per la categoria Under 20 (nati dal 1997 al 2005) una riconferma per Francesco Scagliola, del circolo windsurf dello Stretto, di Reggio Calabria, già campione mondiale Slalom assoluto Ifca 2016 per la categoria junior di Windsurf. Al secondo posto Davide Meloni, windsurf club Cagliari, al terzo Riccardo Renna, circolo surf Torbole. Per gli under 15, primo Nicolò Prestipino, cnc Ponente, seconda Sophie Nevierov, A. V. W. Mar Julia, terzo Bardonaro Benito, C.n. C.
Ponente. Premiate, inoltre, le cinque atlete presenti, per la categoria femminile, tutte provenienti da Trieste, Sophie Nevierov, Marta Bonetti, Caterina e Anna Biagiolini, Giorgia Speciale.

A breve verrà ufficializzata da AICW la classifica nazionale valida a decretare il campione nazionale giovanile Slalom.


  • -

Alla Lega navale il Campionato interzonale slalom Crotone.

Category : 2017

Alla Lega navale il Campionato interzonale slalom

Crotone. Spettacolo slalom, sabato e domenica scorsi, alla Lega navale di Crotone dove si è svolta la quinta tappa del Campionato interzonale slalom, zona Calabria, Basilica e Sicilia. Un weekend all’insegna dell’adrenalina pura, assicurata da condizioni meteo ottimali, con un vento che è arrivato a toccare i 24 nodi. Tabelloni all’insegna dell’alta velocità che hanno visto le tavole da windsurf zigzagare su tre boe, su prove della durata complessiva massima di tre minuti. In uno scenario ideale come quello trovato alla Lega navale di Crotone gli atleti hanno dato spettacolo alla partenza e all’arrivo, sotto l’occhio vigile del comitato di regata presieduto da Paolo Saraceni e composto da Antonio Lentini, Fabrizio Riganello, e Massimo Racco.
I partecipanti sono giunti da Reggio Calabria, dalla Sicilia, da Torbole e dalla Sardegna. A tenere alti i colori della città di Crotone c’era Giuseppe Congi, della Lega navale di Crotone. Alla fine delle due giornate di gare l’ha spuntata su tutti Francesco Scagliola, del circolo windsurf dello Stretto, di Reggio Calabria. E non poteva essere altrimenti visto che Scagliola, nonostante la giovane età è già un vero portento. L’anno scorso, a soli 15 anni, si è aggiudicato il titolo al Mondiale Slalom assoluto Ifca 2016 per la categoria junior di Windsurf. Precedentemente, aveva vinto il titolo di vice campione europeo, Slalom categoria under 17, ad Almanarre, in Francia. Tesserato con il Circolo Windsurf dello Stretto di Reggio Calabria, Scagliola ha iniziato a praticare il windsurf da piccolissimo e si allena soprattutto nelle acque dello stretto ma anche in Brasile, a Jericoacoara, alle Barbados, a Tenerife.